ARCHEONAUTI – Archeologia in poltrona

| 0 commenti

ARCHEONAUTI - Archeologia in poltrona

Se Giasone e gli argonauti partirono con una nave alla conquista del vello d’oro, oggi noi assaporiamo i perigliosi viaggi, le avventure e le epiche gesta per mano di abili scrittori, che invece del nostro corpo, fanno viaggiare la nostra mente mentre siamo comodamente seduti in poltrona, avvolti nelle nostre coperte e muniti di profumate tazze di tè. Viaggiare con la mente ci permette di scoprire luoghi lontani, posti che abbiamo sognato di visitare ed accompagnare personaggi incredibili nella loro lotta per la salvaguardia delle ricchezze prodotte dall’uomo in epoche e tempi diversi.

In concomitanza con la XXV Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico, la Biblioteca Civica di Rovereto con la collaborazione di Ginevra G. Gottardi, ha realizzato un’esposizione di narrativa archeologica.

Scopo dell’evento era quello di avvicinare la letteratura al cinema e quindi di mettere a confronto il documentario realistico con il romanzo che vede come protagonisti archeologi, paleontologi e avventurieri pronti a proteggere con le loro sole forze il patrimonio storico dell’umanità. I libri scelti non sono solo romanzi di fantasia. Infatti gli scrittori hanno studiato approfonditamente i dati archeologici prima di scriverli, prendendosi tuttavia qualche piccola licenza poetica e aggiungendo un pizzico di fantasia al momento opportuno per rendere intrigante la storia.

Il viaggio nella narrativa archeologica e nella fiction del genere è lungo e ricco di sfaccettature ma soprattutto è senza tempo e senza età, infatti la mostra offre una vasta scelta che parte dalla narrativa per bambini fino ad arrivare a quella per adulti. Questa narrativa è spesso legata al genere thriller o a quello del paranormale per dare quel brivido e quell’incognita che le rovine del passato creano. Una narrativa che ha fatto sognare generazioni e che continuerà a farne sognare, poiché il fascino dell’archeologia sta proprio nella scoperta di popoli tanto simili quanto diversi da noi.

Nella galleria che segue potete vedere per intero l’esposizione. L’elenco dei titoli con le relative trame sarà trattato prossimamente in un articolo per la rivista “Il Furore dei libri” dell’omonima Associazione Culturale roveretana.

Salva

Salva

Rispondi