PRENDERSI CURA DI SÉ

– SPECIALE INSEGNANTI –

lI lavoro dell’insegnante prevede che egli si prenda cura degli alunni e delle alunne e della comunicazione e relazione con le famiglie. Molto spesso tutto ciò viene affrontato come una missione e diventa lo scopo della vita del docente. Non solo, a questo c’è da aggiungere la cura dell’aula, degli spazi e delle relazioni con i colleghi e la dirigenza.

In tutto questo però non dobbiamo dimenticare che la prima persona di cui deve prendersi cura un insegnante è proprio se stessa/o.

Facciamo un esempio concreto: quando siamo su un aereo, le assistenti di volo ci spiegano che, in caso di emergenza, la prima cosa da fare è indossare la maschera dell’ossigeno e solo dopo aver fatto quest’azione possiamo aiutare chi ci sta a fianco.

Perchè questo?

Perchè se noi siamo senza ossigeno, potremmo svenire e a quel punto non solo non potremo aiutare chi ci sta vicino, ma rischieremmo la vita noi stesse/i.

Possiamo trasporre questa situazione nel mondo della scuola?

Certamente! Se non ci prendiamo cura di noi, come possiamo prenderci cura degli altri?

Se siamo stanchi e affaticati come possiamo trasmettere gioia ed entusiasmo per quello che facciamo?

Diventa importante saper riconoscere i propri limiti e trovare il modo per ricaricarsi e dedicare del tempo di qualità a noi stesse/i ogni giorno.

Quest’anno passato, abbiamo ragionato sull’importanza di ritagliarsi dei momenti per sé.

All’inizio non è facile, ma con l’allenamento e la determinazione si può raggiungere anche questo obiettivo.

Rispondi